Fiat 131 Abarth: pronto un rilancio da parte Fiat?

625af9d8372c99d565947306e35038ea.jpgLa Fiat pronta a riproporre la gloriosa Fiat Abarth 131, dopo il successo della Fiat 500 Abarth?

No purtroppo, è solo frutto della mia fantasia e di un ricordo che mi è venuto grazie a un modellino della gloriosa Fiat Abarth 131 che ho ritrovato in cantina nel week end.

La Fiat 131 Abarth era una mitica vettura da rally che debuttò nel mondiale ‘ 76 ed era derivata dalla Fiat 131 stradale, con un motore 16 valvole da 2000cc, sviluppato precedentemente sulla Fiat 124 abarth, anch’essa gloriosa ma per me troppo “vecchia” da poterla seguire in tv nelle battaglie contro la Lancia Stratos che comunque Lancia sembra voler ripresentare

  La Fiat 131 Abarth aveva una potenza massima che a seconda della versione variava dai 225 ai 255cv con motore montato in posizione anteriore ma trazione data dalle sole ruote posteriori.

La Fiat 131 Abarth in soli 4 anni di attivita’ dal 1977 al 1981 vinse ovunque, conquistando ben tre titoli mondiali, nel ‘ 77 e nel ‘ 78 con il grande  Markku Alen e nel ‘ 80 il freddo Walter  Rohrl. Insomma prima del Lancia Delta Integrale fece un bel pezzo di storia dei Rally  mondiali.

Magari nessuno ci ascolterà mai, ma sognare non costa nulla: vi chiedo di lasciare un commento a questo post se riteniate che riproporre questa mitica vettura sia per Fiat un valore da non poter perdere. 

Sotto vi segnalo un bel video celebrativo con anche il grande e sfortunato pilota Attilio Bettega che mori’ al rally di Corsica nel 1984 proprio su Lancia Delta S4.

Fiat 131 Abarth: pronto un rilancio da parte Fiat?ultima modifica: 2008-07-14T23:00:00+02:00da magnolta
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “Fiat 131 Abarth: pronto un rilancio da parte Fiat?

  1. Un auto che evoca ricordo.
    Mio padre acquistò la sua prima auto nuova nel 79.
    Dopo aver posseduto maggiolino e alfa 1750 passò a Fiat, una fiammante fiat 131 1600 cc verde metallizzata.
    Quando l’ha venduta ho pianto, ci ero troppo affezionato.

  2. Ciao mi chiamo Sandro e sono un ex meccanico ufficiale dell’Abarth dei tempi d’oro.
    Attualmente faccio il collaudatore prototipi sperimentali in Fiat e leggendo il tuo appassionato post mi permetto di lasciarti un mio commento.
    Prima di tutto permetimi di correggerti: il povero Attilio Bettega è morto in Corsica schiantandosi contro un albero a bordo della Lancia Rally SE 037, purtroppo la Corsica fu fatale anche al mio caro e compianto amico Henry Toivonen che uscendo di strada e precipitando in una scarpata, morì nel rogo della sua Delta S4 insieme al suo navigatore Sergio Cresto.
    Per quello che riguarda il rilancio del marchio Abarth, ad oggi non ho notizie di nessun tipo di progetto inerente ad una ipotetica Fiat 131, però posso anticiparti…crisi energetica ed economica permetendo, che abbiamo in cantiere già da tempo la rievocazione di una vettura ancor più gloriosa…i giornali specializzati ne hanno già parlato e quindi non rischio la divulgazione di segreti industriali, ma nel futuro della gamma dei modelli del gruppo c’è una versione moderna ed estremamente accattivante della Lancia Fulvia HF.
    Bisogna avere solo un po’ di pazienza e soffiare sui prezzi del petrolio per raffreddare questa crisi che stà penalizando noi e tuto il mercato dell’auto.
    Salutoni a tutti, ciao

  3. Ciao, anche mio padre comprò nel 1979 una fiammante FIAT 131 Supermirafiori 1300 azzurro metallizzato, bellissima.
    A quell’epoca io avevo la patente da poco più di un anno, ma mio padre, sapendo la mia attenzione maniacale per le auto, la fece ritirare a me dal concessionario.
    Bellissimi ricordi di un’auto che purtroppo, con gli occhi lucidi, ho fatto rottamare pochi mesi dopo che anche mio padre se ne era andato nel 2003. Purtroppo i nostri governanti rendono difficile sostenere i costi di mantenimento.

  4. Ancora oggi mi sogno l’auto su cui ho imparato a guidare. Una 131 1600 verde pisello (sic!!) numero di telaio 408. Ne aveva di tutti i colori ma se ne avessi la possibilità la ricomprerei. E poi la 131 Abarth è un vero mito, usando la parola mito con il suo vero significato. MAGARI. la comprerei.
    Stefano

  5. Mio padre ha corso anche con la 131 abarth gruppo 4 e ha vinto il triveneto con la 124 abarth e ha anche corso con l’HF 1600 gr.4 e con il 112 abarth in fine. è bello che ci siano persone ancora appassionate come me a queste auto . ho 17 anni e spero in futuro di potermene comprare una preparata x qualche storico.

  6. Se La Fiat decidesse di rifare il 131 Abarth la prego solo di non fare gli stessi errori della Delta, un’auto degna del nome del 131 sportiva motore corposo, leggera e non pesante come tutte le auto di nuova generazione, per capirci non un’auto con il nome ma un auto che rappresenti l’evoluzione di un mito. Grazie.

  7. Io sto per comperare un 131 berlina 1600 seconda serie,bianco,che trasformerò in una vettura da drifting stradale. Poi,volete mettere la sorpresa di tutti quegli “sboroni” con quelle vetture moderne sportive che di sportivo hanno solo una linea diversa…
    Queste erano vetture sportive,e chi le guidava era un vero pilota!!

  8. penso che le auto leggendarie come la 131 abarth o la lancia delta debbano essere lasciate nei ricordi degli appassionati e non riproposte sotto forma di auto di lusso come la nuova lancia delta…la lancia delta è un’auto sportiva, non di lusso!! come hanno potuto i progettisti della lancia rovinare una leggenda del rally creando quella nuova?? ma non vorrei essere frainteso..la nuova lancia delta è una macchina abbastanza bella, però dovevano chiamarla in un altro modo, perché quella macchina lì di delta non ha assolutamente niente!!!

Lascia un commento