Addio al nubilato in minibus: la ultima tendenza nel settore noleggio autoveicoli

Immagine1.pngIl mercato del noleggio veicoli è sempre in positivo e sempre in continua trasformazione. L’ultima tendenza del settore è quella di affittare pulmini per una notte, per festeggiare un addio al celibato o al nubilato o noleggiare un pulmino con conducente, per farsi trasportare da un posto all’altro in una notte di festa e alcol senza correre rischi e in completa sicurezza.

Secondo i gestori del portale NoleggioVeicoli365.it, in cui si possono trovare tutte le agenzie di noleggio auto, noleggio moto e veicoli di qualsiasi tipo, la domanda di noleggio è cresciuta in maniera esponenziale nell’ultimo anno (30%), trainata dalla maggiore domanda di mezzi quali furgoni e pulmini, camper e roulotte e noleggio auto con conducente. Il 34% di decine di migliaia di richieste di preventivo per il noleggio auto riguarda l’affitto di pulmini e minibus. Al secondo posto il noleggio di automobili con il 16% delle richieste, seguito dal 12% per scooter e moto e il 7% per le auto di lusso per i matrimoni.

Chi noleggia un pulmino cerca una maniera facile di per muoversi in gruppo durante una vacanza, per festeggiare con le amiche un addio al nubilato, per vivere con i tifosi della squadra del cuore una trasferta in allegria.

Immagine2.jpg

Le regioni in cui si registra una maggiore richiesta di noleggio sono la Lombardia con il 16% del totale delle richieste, il Veneto con 13%, seguito dal Piemonte e dalla Sicilia le cui agenzie ricevono circa il 10% delle richieste di noleggio.

Le città più attive sono Torino (18%), noleggio auto Roma (17%), Napoli  e Milano(16%), seguite da Brescia e Verona con il 10%.

Rispetto al 2010 nel periodo estivo nel 2011 sono aumentate le richieste relative all’affitto di scooter e moto, di camper e di noleggio di auto a lungo termine con formula leasing.

Addio al nubilato in minibus: la ultima tendenza nel settore noleggio autoveicoliultima modifica: 2012-08-24T08:36:04+00:00da magnolta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento